Si è parlato molto della cosiddetta organizzazione dei lupi grigi che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan utilizza per realizzare le sue ambizioni e i suoi sogni nella regione, poiché l’esercito nazionale libico ha rivelato il ruolo di questa organizzazione in Libia.

The I lupi grigi sono stati fondati fondati alla fine degli anni ’60 da Alp Arslan Türkç, uno dei promotori del colpo di stato del 1960. L’organizzazione è il braccio armato non ufficiale dell’MHP guidato da Devlet Bahçeli, alleato di Erdogan.

Dal terrorismo alla coalizione e, soprattutto, all’uccisione dei curdi

È classificato come uno dei gruppi più fanatici e fascisti del nazionalismo turco, ed era stata precedentemente classificata come organizzazione terroristica in Turchia, fino al 2018, quando si sviluppata “L’alleanza repubblicana” tra il Partito della Giustizia e dello sviluppo” e il Partito del movimento nazionale” per le elezioni presidenziali turche.

Il movimento crede nella superiorità etnica dei turchi e cerca di ripristinare le loro glorie e la storia e di unificare i popoli turchi in uno stato, oltre ad inimicarsi popoli di altre nazionalità come i curdi, la Grecia e gli armeni.

Secondo i “Lupi Grigi”, i confini dello stato dei turchi si estendono dai Balcani all’Asia centrale, ispirandosi alla storia dell’Impero Ottomano. I curdi sono l’asse principale dell’ostilità nei confronti dell’organizzazione che si occupa di combattere l’istituzione di qualsiasi stato curdo con vari mezzi.

Questa organizzazione ha commesso le operazioni più criminali, essendo stata la principale forza coinvolta in atti di violenza politica in Turchia negli anni ottanta del secolo scorso.

È stata classificata come organizzazione terroristica responsabile dell’uccisione di centinaia di aleviti nel massacro di Maras nel 1978 e nel massacro di piazza Taksim del 1977, in cui 126 persone hanno perso la vita.

È anche la mente dell’attentato a Papa Giovanni Paolo II nel 1981 da parte di Muhammad Ali Agjah. I Lupi Grigi negli anni 80 erano considerati un’organizzazione anti-turca.

Ma concentrando il movimento sulla sua ostilità verso i curdi negli anni ’90 l’autorità prese l’iniziativa di impegnarlo in battaglie contro il PKK.

I Lupi Grigi divennero famosi per aver condotto molte operazioni terroristiche dentro e fuori la Turchia. Sono accusati di aver ucciso il pilota russo nel 2015, dell’abbattimento dell’aereo russo Sukhoi, del dirottamento dell’aereo russo in Egitto, del sostegno ai terroristi, della liquidazione dei curdi oltre ad altri atti criminali per far rivivere i fasti dell’Impero Ottomano.

È interessante notare che il nome “Alp Arslan Celik”, uno degli attivisti dei “Lupi grigi”, è emerso con la sua apparizione in un videoclip dell’incidente dell’aereo russo abbattuto nella campagna di Latakia nel 2015.

Ha parlato dei dettagli dell’uccisione dei piloti russi, di conseguenza Mosca ha chiesto ad Ankara di consegnare “Alp Arslan”. Dopo che la Turchia e i suoi mercenari hanno ocupato Afrin, gli elementi di questa organizzazione erano di stanza nel nord della Siria.

Il Centro europeo per i diritti umani ha confermato: “L’organizzazione terroristica turca sostiene i turcomanni in Siria con aiuti militari e combattenti che sono membri del Partito del movimento nazionale”.

Il Centro ha rivelato che molti di loro sono stati uccisi in battaglie con le forze governative siriane. I giornali turchi hanno anche confermato che Ankara ha utilizzato nel nord della Siria milizie dei “Lupi grigi” insieme a “ISIS” e gruppi mercenari.

Come gestisce Ankara i movimenti di questa organizzazione tra Siria e Libia

Questa organizzazione lavora per gestire le operazioni in Libia, come l’esercito nazionale ha confermato all’agenzia di stampa Hawar, e che un ufficiale dell’intelligence turca di nome “Fatih Inal Tarkan” e il suo compagno, “Maher Mustafa Pasha” sono i principali funzionari responsabili della maggior parte dei movimenti di mercenari ed estremisti, a cui si uniscono più di 18 ufficiali di vario grado.

Secondo l’esercito libico: “Khalil Sosyal, Irfan Ossert,il generale Levent Arjun, la brigata Gorsal, Tchibinar, brigata Seljuk Yavuz , Canal, Kai Altindag, Bolt Kutsal, Geethan Utqu, Izz al-Din Yathilurt, Amir Muradli, Hamad Husam al- Din Yajuri, Sahan Eden, Archin Timon, Bakir Eden, Recep Bolt, Solomon Anja. “

Chi è Inal Tarkan?

Il suo vero nome è “Fateh Tarkan Inal”, che ha il ruolo chiave negli sviluppi militari in Libia. È la figura più misteriosa e pericolosa. Uno degli amici più importanti di Tarkan è Maher Mustafa Pasha, che è il capo dei mercenari della “Divisione Al-Muntesir Billah”, dei turcomanni. Combatte con i mercenari dell ‘”Esercito nazionale siriano”. Maher Pasha, un turcomanno siriano di Aleppo, parla sia arabo che turco,ed è vicino ai servizi segreti turchi.

Ha pubblicato una foto con l’ufficiale dell’intelligence turca Fatih Inal, e ha immagini dall’interno della Turchia, in particolare dal quartier generale del Partito per la giustizia e lo sviluppo in Turchia e immagini all’interno del quartier generale dell’organizzazione “Lupi grigi”.

Pasha è accusato di aver lanciato operazioni militari sulla città di Afrin in diretto coordinamento con l’intelligence turca ed i Lupi Grigi; la sua fazione turcomanna ha deliberatamente attaccato e assediato il quartiere di Sheikh Maqsoud e di l’Ashrafieh a maggioranza curda nella città di Aleppo per molti anni e ha usato armi proibite a livello internazionale nel tentativo di assaltare il quartiere e commettere massacri contro i civili.

Secondo l’Esercito nazionale libico, Maher Mustafa Pasha è il primo responsabile dell’invio di 300 mercenari al mese da ciascuna fazione siriana in base a un accordo stipulato per un periodo di tre mesi, con i servizi segreti turchi e supervisionato da Tarkan.

L’esercito libico ha rivelato che Ankara ha chiaramente cambiato il modo in cui i suoi consiglieri, compresi uomini militari e di intelligence, operano in Libia nelle ultime settimane. Ha adottato piani, che Tarkan ha attuato con grande professionalità. Questi piani dipendono dalla comunicazione e dal coordinamento con i leader dei gruppi armati, alle spalle di al-Sarraj, e dalla concessione a ciascun gruppo di ciò che vuole a condizione di attuare le direttive turche nel Paese.

L’intelligence dell’esercito libico ha rivelato che Tarkan e i suoi colleghi non hanno mai incontrato le milizie ei loro leader attorno ad un tavolo dal loro arrivo a Tripoli, e gestiscono la maggior parte delle operazioni di coordinamento du guerra sul terreno con comunicazioni radio e telefoni collegati ai satelliti in coordinamento con l’ambasciatore turco in Libia, Serhat Aksen.

Anha

Da retekurdistan.it