Bielorussia, per il regime una minaccia senza precedenti, più formidabile delle manifestazioni: una cascata di scioperi  (Julian Colling

La scena rimarrà come una delle immagini della rivolta bielorussa del 2020, come un Nicolae Ceausescu fischiato dalla folla rumena nel 1989. Alexander Lukashenko, venuto a cercare il sostegno dei lavoratori della fabbrica MTZ, un grande produttore statale di macchine agricole, ha visto i lavoratori rivoltarsi contro di lui lunedì 17 agosto. “Oukhadi! Oukhadi! (Andate via!),” hanno cominciato a cantare.

Con la bocca serrata, l’autocrate di Minsk ha incassato, prima di lasciare finalmente il palco con la sua solita spavalderia: “Grazie a tutti! E ora potete ricominciare a cantare “vattene”! “, non senza aver prima specificato che solo la sua morte poteva provocare nuove elezioni.
Lukashenko probabilmente non prevedeva che l’ondata di proteste che lo ha scosso dalla sua fraudolenta rielezione del 9 agosto avrebbe preso una tale piega. Bisogna capire: che la sua tradizionale base di appoggio, questi lavoratori e i lavoratori delle imprese statali nelle regioni, lo abbandonerebbero. Almeno in parte.
Così alle massicce manifestazioni – il più grande raduno della storia del Paese si è svolto domenica – si è aggiunta, spontaneamente e in modo del tutto sorprendente, una cascata di scioperi in decine di siti bielorussi, da Brest a Hrodna. Prima di tutto nell’industria, seguendo l’esempio dei metallurgici della fabbrica statale di Zhlobin (nella parte orientale del Paese), che sono andati in sciopero il giorno dopo le elezioni.

Sono stati poi imitati dagli operai della fabbrica di zucchero di Zhabinka. Il gigante MTZ (Minsk Tractor Works), quindi, con un peso considerevole, è entrato in sciopero in massa dal 14 agosto. BelAZ, produttore di macchine e camion per l’estrazione mineraria, ha seguito l’esempio di lunedì, così come l’impianto di potassa di Soligorsk.

In una settimana, la fiammata è stata impressionante, in un paese dove non c’è una vera protezione dei lavoratori o il diritto di sciopero, un’attività rischiosa. L’eccellente canale di notizie Telegram Nekhta elenca le varie fermate e raccoglie numerosi video di lavoratori che aderiscono al movimento.
Perché l’ondata non si è fermata all’industria pesante. Anche i funzionari dei trasporti hanno mostrato solidarietà, come a Minsk con i lavoratori della metropolitana e dei filobus. Ancora più impressionante è stato lo sciopero nella “Silicon Valley” della Bielorussia, il “Parco dell’alta tecnologia”, un centro su cui si nutrono molte speranze per l’economia del Paese – la Bielorussia è oggi un Paese ad alta tecnologia.

Anche gli attori del settore culturale hanno aderito al movimento. Al teatro Yanka Kupala, in particolare, gli attori si sono dimessi dopo che il loro regista, un ex ministro della cultura, è stato licenziato per aver sostenuto pubblicamente l’opposizione. Forse più significativamente, circa 300 dipendenti della televisione di Stato bielorussa, di solito portavoce del regime, hanno anche annunciato di essere in sciopero (“Se non riusciamo più a produrre giornalismo onesto, non lavoreremo più”).

Anche se Alexander Lukashenko è stato veloce a licenziare gli scioperanti con disprezzo, chiamandoli “pecore” o “provocatori manipolati dall’estero”, in realtà ha motivo di temere questo nuovo tipo di protesta per questo paese, che di solito è calmo e laborioso. Per l’economia bielorussa, che dal 2010 ha subito un rallentamento e una stagnazione generale, è una pura reliquia dell’era sovietica.

Ancora in gran parte statale e pianificata, si basa molto sulla produzione industriale pesante (il tessuto è stato conservato), sulla raffinazione del petrolio dalla Russia, che rappresenta un terzo delle esportazioni del Paese, e sull’agricoltura. Come bonus, paradossalmente, un fiorente settore informatico. Le aziende statali producono ancora quasi il 60% del PIL del paese e rappresentano il 50% dell’occupazione. Ancor più delle manifestazioni, Lukashenko teme uno sciopero generale, non ancora deciso nonostante i numerosi appelli, e una battuta d’arresto dell’economia.

Il modello economico imposto dall’ex manager sovietico del kolkhoz (fattoria) Alexander Lukashenko è stato certamente apprezzato dalla popolazione per lungo tempo, aiutato dalla forte crescita della metà degli anni 2000 in particolare. Respingendo lo shock da ultra-liberalizzazione che la Russia ha subito negli anni ’90, è riuscito a tenere il suo paese lontano dalle enormi disuguaglianze dei paesi emergenti, con la chiave della stabilità sociale e del relativo comfort: primo lavoro fornito dallo Stato ai giovani laureati, tasso di povertà solo del 6%, metà del tasso della Polonia, salario minimo intorno ai 500 dollari, il doppio dell’Ucraina…
Ma dal 2010 il modello si sta esaurendo, in un contesto di relazioni economiche più difficili con il fratello maggiore russo (80 miliardi di dollari di sussidi tra il 2002 e il 2015). Come ha sottolineato il Financial Times, il divario del PIL pro capite con la vicina Polonia, ad esempio, è aumentato negli ultimi dieci anni. Anche il patto sociale si è eroso. I salari non sono aumentati per anni, e i contratti a breve termine (un anno) sono in aumento ovunque.

“Oltre a un crescente senso di stagnazione economica, Lukashenko ha anche perso la stima e il sostegno di alcuni lavoratori del quotidiano con la sua proposta di legge del 2017 contro i “parassiti””, ricorda anche il ricercatore dell’Università di Londra Tadeusz Giczan, parlando del disegno di legge – abbandonato – per tassare e multare i disoccupati per più di sei mesi. La disastrosa gestione dell’epidemia di Covid-19 da parte del satrapo di Minsk, al potere da 26 anni, ha finalmente placato la sete di cambiamento di gran parte della popolazione, compresi i fedeli dipendenti del settore pubblico.
La determinazione sembra essersi diffusa. L’idea di uno sciopero generale era ancora in discussione martedì, in particolare nella sede di MTZ a Minsk. Si sta organizzando un coordinamento nazionale dello sciopero ed è stato appena creato il canale di Telegram “Sciopero Bielorussia” per federare le varie iniziative. L’unico sindacato indipendente in Bielorussia ha appena lanciato un appello per una rivolta generale nelle aziende.
Ma la partita è ben lungi dall’essere vinta per i dipendenti mobilitati e per l’opposizione. Prima di tutto, l’apparato di sicurezza di Lukashenko sembra tenere duro per il momento. Soprattutto nelle imprese statali, la pressione dall’alto ha cominciato a cadere sugli scioperanti: nello stabilimento di MTZ, la direzione ha sollevato lo spettro dei licenziamenti di massa, dei tagli ai salari e di altre misure disciplinari lunedì.

La possibilità di perdere il lavoro, quando il valore del lavoro è fondamentale in Bielorussia, spaventa ormai molti scioperanti. A MTZ, solo un terzo dei dipendenti si dice pronto a continuare lo sciopero (250 scioperanti il martedì rispetto a più di mille prima). Il movimento di sciopero dovrà essere doppiamente coraggioso per tornare sulla strada.
Per il momento, lo sciopero non ha ancora colpito il settore degli idrocarburi, che è più cruciale per il regime rispetto alle industrie di produzione”, osserva David Teurtrie, ricercatore di Inalco. Se questo cambia e gli scioperi possono diventare un peso politico per l’opposizione, allora Lukashenko sarà davvero minacciato».

Da popoffquotidiano.it