1975 (10 assassinati, di cui 4 dalle forze dell’ordine)

16 aprile – Milano                                                                                                                      Claudio Varalli                                                                                                                           Ucciso durante un corteo da neofascisti di Avanguardia Nazionale il militante del Movimento studentesco Varalli, 17enne.

17 aprile – Milano
Giannino Zibecchi
Manifestazione per la morte di Claudio Varalli. Il corteo, dopo aver distrutto alcune sedi fasciste, assalta la federazione provinciale del Msi-Dn in via Mancini. Qui si scontra con la polizia che tira candelotti e spara. In corso XXII marzo sopraggiunge una colonna di automezzi dei carabinieri lanciati ad alta velocità; uno di questi camion, guidato dal milite Sergio Chiairieri, salito sul marciapiede con il chiaro intento di investire chiunque fosse sulla sua traiettoria, si trova innanzi il palo che reggeva l’orologio: l’autista ha un brusco scarto per evitare l’ostacolo e ripiomba sulla strada dove si trova Giannino Zibecchi, 27 anni, insegnante, che viene travolto in pieno, schiacciato e ucciso. Sono rinviati a giudizio 3 militari: il carabiniere Sergio Chiarieri, autista del camion che uccise Giannino, il tenente Alberto Gambardella, capo macchina sullo stesso mezzo e il capitano Alberto Gonella, responsabile dell’intera colonna dei mezzi dei carabinieri. Sono imputati per “in concorso colposo fra loro aver cagionato la morte di Giannino Zibecchi per colpa aggravata dalla previsione dell’evento”.

17 aprile – Torino
Tonino Miccichè
La guardia giurata Paolo Fiocco spara in faccia e uccide Tonino Miccichè, ex operaio di linea alla FIAT, che gli ha contestato l’uso di un secondo box nel quartiere Falchera, nell’ambito di una lotta per l’occupazione di case.

19 aprile – Firenze
Rodolfo Boschi
Una manifestazione antifascista organizzata dall’Anpi è attaccata dalla polizia con l’uso di armi da fuoco. Un agente di p.s., Orazio Basile, uccide Rodolfo Boschi e ferisce Panichi, manifestante, che si era avvicinato con una pistola in pugno. Omicidio Boschi: al processo che ne è seguito, l’agente di p.s. è stato condannato a 8 mesi con la condizionale per “eccesso colposo di legittima difesa”; 10 anni di reclusione sono inflitti a Panichi imputato di reati minori.

17 maggio – Napoli
Gennaro Costantino
I disoccupati occupano gli uffici anagrafici del comune in piazza Dante. Interviene la Celere e in uno dei caroselli una jeep investe e uccide il pensionato Gennaro Costantino, di 65 anni. Per i fatti del 17 maggio a Napoli, la polizia sostiene che il mezzo era privo di conducente il quale sarebbe stato sbalzato dal posto di guida in seguito a sbandamento. Numerosi sono gli arrestati fra i dimostranti, che si sono difesi con sassaiole, impegnando la polizia in scontri.

25 maggio – Milano                                                                                                                                 Alberto Brasili                                                                                                                             Ucciso da neofascisti in piazza san Babila Brasili Alberto, 26 anni, studente lavoratore.

13 giugno – Reggio Emilia                                                                                                                      Alceste Campanile                                                                                                                  Militante di Lotta Continua, viene trovato ucciso nella campagna tra Montecchi e S. Ilario (RE). Nel 1999 l’omicidio è rivendicato da un ex militante di estrema destra, ma restano dubbi sulla veridicità dell’autoaccusa: Campanile Alceste, 22 anni, studente.

16 giugno – Napoli                                                                                                                                   Iolanda Palladino
Una manifestazione per festeggiare la vittoria elettorale del Pci è fatta bersaglio di bottiglie incendiarie. Rimane gravemente ferita e morirà alcuni giorni dopo Palladino Iolanda, 20 anni, studentessa

30 ottobre – Roma                                                                                                                                Antonio Corrado.                                                                                                                         Scambiato per un militante di Lotta Continua, viene ucciso con quattro colpi di pistola da neofascisti Corrado Antonio, 21 anni.

22 novembre – Roma
Pietro Bruno
Manifestazione della sinistra extraparlamentare a favore della liberazione dell’Angola dal dominio portoghese. Vengono lanciate bottiglie molotov davanti all’ambasciata dello Zaire, i carabinieri aprono il fuoco uccidendo Pietro Bruno, di 18 anni. Per l’uccisione di Pietro Bruno saranno inquisiti il sottotenente dei carabinieri Saverio Bosio, il carabiniere Pietro Colantuono e l’agente di p.s. Romano Tammaro. Il giudice istruttore Pasquale Lacanna nella sua ordinanza di proscioglimento scriverà: “se per la difesa dei superiori interessi dello Stato, congiuntamente alla difesa personale, si è costretti ad una reazione proporzionata alla offesa, si può compiangere la sorte di un cittadino la cui vita è stata stroncata nel fiore degli anni ma non si possono ignorare fondamentali principi di diritto. La colpa della perdita di una vita umana è da ascrivere alla irresponsabilità di chi, insofferente della civile vita democratica, semina odio tra i cittadinPer l’uccisione di Pietro Bruno saranno inquisiti il sottotenente dei carabinieri Saverio Bosio, il carabiniere Pietro Colantuono e l’agente di p.s. Romano Tammaro. Il giudice istruttore Pasquale Lacanna nella sua ordinanza di proscioglimento scriverà: “se per la difesa dei superiori interessi dello Stato, congiuntamente alla difesa personale, si è costretti ad una reazione proporzionata alla offesa, si può compiangere la sorte di un cittadino la cui vita è stata stroncata nel fiore degli anni ma non si possono ignorare fondamentali principi di diritto. La colpa della perdita di una vita umana è da ascrivere alla irresponsabilità di chi, insofferente della civile vita democratica, semina odio tra i cittadini”.

1976 (6 assassinati, tra cui 1 dalle forze dell’ordine)

7 aprile – Roma
Mario Salvi
Militanti della sinistra rivoluzionaria lanciano bottiglie molotov contro la parte posteriore del ministero di grazia e giustizia per protestare contro la condanna dell’anarchico Giovanni Marini. L’agente di custodia Domenico Velluto spara e uccide, con un colpo alla testa, uno dei manifestanti, Mario Salvi, di 21 anni. Omicidio Mario Salvi: Il 15 aprile la guardia carceraria Domenico Velluto viene arrestato su ordine del sostituto procuratore Gianfranco Viglietta che conduce l’inchiesta. L’accusa è quella di omicidio preterintenzionale per il quale è prevista una pena da 10 a 18 anni di reclusione. L’arresto di Velluto non ha precedenti. Finora infatti non era mai avvenuto che un agente fosse stato incarcerato per aver ucciso qualcuno nel corso di una manifestazione.

27 aprile – Milano                                                                                                                                    Gaetano Amoroso.                                                                                                                    Gravemente ferito negli scontri con neofascisti, muore dopo quattro giorni Amoroso Gaetano, 21 anni, studente

28 maggio – Sezze Romano (LT)                                                                                                            Luigi De Rosa.                                                                                                                         Disordini di piazza durante il comizio di un deputato missino. Viene ucciso dai neofascisti del MSI De Rosa Luigi, 19 anni, studente

10 luglio – Roma                                                                                                                                  Vittorio Occorsio                                                                                                                                Un commando di neofascisti di Ordine Nuovo uccide davanti alla sua abitazione Occorsio Vittorio, 46 anni, magistrato, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma

5 settembre – Lecco                                                                                                                     Pietrantonio Castelnuovo                                                                                                       Durante la festa dell’Unità è picchiato a morte da un gruppo di neofascisti Castelnuovo Pietrantonio, 46 anni

16 dicembre – Brescia                                                                                                                        Bianca Daller Gritti                                                                                                                            Lo scoppio di un ordigno, collocato a scopo terroristico in piazzale Arnaldo da Brescia dai neofascisti, provoca il ferimento di una decina di persone e la morte di Daller Bianca Gritti, 61 anni, insegnante in pensione

1977 (4 assassinati, tra cui 2 dalle forze dell’ordine)

19 gennaio – Pisa: il tribunale modifica la sentenza emessa dal pretore il 1 ottobre 1975, assolvendo il capitano di p.s. Amerigo Albini e l’agente Giovanni Colantoni accusati di “falsa testimonianza” per la morte di Franco Serantini.

4-5 marzo – Roma: Fabrizio Panzieri, accusato dell’uccisione del fascista Mikis Mantekas, durante gli scontri di piazza avvenuti due anni prima, viene condannato, senza alcuna prova a suo carico, a nove anni di carcere per «concorso morale».

11 marzo – Bologna
Pier Francesco Lorusso
Durante gli scontri iniziati la mattina nella zona universitaria, l’ufficiale dei carabinieri Massimo Tramontani uccide a colpi di pistola Pier Francesco Lorusso, militante di LC, studente di medicina, 25 anni.

8 aprile – Firenze: è condannato in relazione all’uccisione di Boschi, qualificata come “omicidio colposo in eccesso di legittima difesa”, l’agente Orazio Basile alla pena di 8 mesi con la condizionale.

15 maggio – Roma
Giorgiana Masi
La polizia carica una dimostrazione pacifica, organizzata dai radicali per ricordare la vittoria del referendum sul divorzio, facendo largo uso di armi da fuoco e uccidendo Giorgiana Masi, di 19 anni, colpita a morte alla schiena da un colpo di fucile mentre stava scappando; negli stessi eventi saranno feriti altri 7 giovani, tra i quali Elena Ascione. Fra gli agenti di p.s. che aprono il fuoco viene ritratto in una foto Giovanni Santone, in forza alla squadra mobile.

7 luglio – Roma: il tribunale assolve il secondino Domenico Velluto dall’accusa di “omicidio preterintenzionale” nei confronti di Mario Salvi, per “aver fatto uso legittimo delle armi”.

In seguito all’omicidio di Francesco Lorusso, i manifestanti arrestati sono 129 (oltre a 30 denunciati a piede libero). Nei processi per “direttissima”, la giustizia di Bologna emette queste sentenze contro manifestanti: due anni e 8 mesi a Renato Resca di 19 anni trovato in possesso della catenella del suo motorino (da notare che Resca compare in aula in barella dal momento che è stato pestato a sangue sia all’arresto che all’arrivo in carcere); 2 anni e 8 mesi a Fantuzzi, accusato di porto d’arma; 1 anno e 6 mesi a Nicola Pastigliano di 20 anni per porto di arma da guerra: aveva raccolto la parte superiore inesplosa di un candelotto. Casi di tortura si verificano a Roma.
Il 17 marzo a Torino i carabinieri uccidono un giovane di vent’anni. Stava rincasando in auto quando viene fermato dai Carabinieri: si china per prendere gli occhiali (aveva l’obbligo di portarli durante la guida) e subito parte una raffica di mitra. I CC dichiarano di aver sparato per primi ma lo sparatore confida: “(l’ucciso) non aveva nessuna pistola, te lo posso dire perché tanto non mi fanno niente”.
20 luglio – Bologna: Secondo il P.M. Picciotti contro il carabiniere Tramontani, reo confesso, non si può procedere in quanto non è stato lui ad uccidere Lorusso, e se fosse stato lui, era giustificato dalla situazione di grave pericolo in cui si trovava. Il carabiniere Tramontani viene subito dopo rimesso in libertà.

30 settembre – Roma                                                                                                                   Walter Rossi                                                                                                                                        20 anni, militante di Lotta Continua viene ucciso da neofascisti nel corso di una manifestazione.

28 novembre – Bari                                                                                                                 Benedetto Petrone                                                                                                                  Militante della FGCI è ucciso da un gruppo neofascista Petrone Benedetto, 18 anni, manovale

1978 (5 assassinati, tutti dai fascisti)

28 febbraio – Roma                                                                                                                   Roberto Scialabba                                                                                                                   Militante di Lotta Continua, 23enne, viene ucciso dai neofascisti dei NAR.

18 marzo – Milano                                                                                                                        Fausto e Iaio                                                                                                                              Attivisti del centro sociale Leoncavallo muoiono sotto i colpi di un agguato neofascista. La rivendicazione più attendibile è quella dell’Esercito Nazionale Rivoluzionario NAR Brigata Combattente “Franco Anselmi”: Iannucci Lorenzo detto Iaio, 18 anni, studente Tinelli Fausto, 18 anni, studente

28 settembre – Roma                                                                                                                         Ivo Zini                                                                                                                                    Simpatizzante del PCI ucciso dai neofascisti dei NAR: Zini Ivo, 24 anni, studente

30 settembre – Napoli                                                                                                                            Claudio Miccoli                                                                                                                        Pacifista, consigliere del WWF, interviene per sedare una rissa sorta tra esponenti di due opposte fazioni, viene aggredito e bastonato da un gruppo di neofascisti dei NAR. Muore dopo cinque giorni di agonia Miccoli Claudio, 20 anni, studente

1979 (1 assassinato)

19 aprile – Roma                                                                                                                                      Ciro Principessa                                                                                                                                    Attivista della Federazione giovanile comunisti italiani ucciso da un neofascista del MSI-DN Principessa Ciro, 20 anni, studente

1980 (87 assassinati)

22 febbraio – Roma                                                                                                                                 Valerio Verbano.                                                                                                                                  Ucciso nella sua abitazione dai neofascisti dei NAR: Verbano Valerio, 18 anni, studente

12 novembre – Milano: Processo per l’omicidio di Giannino Zibecchi. La Corte emette la sentenza: tutti assolti. I due ufficiali “per non aver commesso il fatto”, Chiarieri “per insufficienza di prove”.

2 agosto – Bologna                                                                                                                                   85 persone.                                                                                                                                              Una bomba, messa dai neofascisti dei NAR, uccide 85 persone nella stazione di Bologna.

02 settembre –   Roma                                                                                                                             Maurizio di Leo.                                                                                                                            Tipografo del quotidiano “Il Messaggero” viene ucciso dai neofascisti dei NAR, che lo hanno scambiato per un giornalista dello stesso quotidiano, autore di inchieste sul terrorismo di estrema destra.

1984 (16 assassinati)

23 dicembre – San Benedetto Val di Sambro (BO)                                                                    Altobelli Giovanbattista, Brandi Anna Maria, Calvanese Angela De Simone, Cavalli Susanna, Cerrato Lucia, De Simone Anna, De Simone Giovanni, De Simone Nicola, Leoni Pier Francesco, Matarazzo Luisella, Moccia Carmine, Moratello Valeria, Morini Maria Luigia, Taglialatela Federica, Taglialatela Gioacchino,Vastarella Abramo. Esplode una bomba sul treno rapido 904 Napoli-Milano: 16 morti, 130 feriti. L’attentato è opera di un intreccio tra mafia, neofascisti e banda della Magliana.

2001 (1 assassinato)

20 luglio – Genova
Carlo Giuliani
A Genova, in una città blindata in occasione del vertice dei G8, continuano le dimostrazioni iniziate il giorno precedente con il “corteo dei migranti”. Per il giorno 20 sono organizzate una serie di piazze tematiche ed il corteo dei Disubbidienti che parte dallo stadio Carlini e si dirige verso la stazione Brignole. Mentre il corteo è ancora sul tragitto autorizzato dalla questura, partono forti cariche di polizia e carabinieri, con ingenti lanci di lacrimogeni anche ad altezza d’uomo, idranti urticanti, caroselli dei blindati lanciati a 70Km/h contro i manifestanti che, impossibilitati nella fuga, reagiscono con lanci di pietre e piccole barricate. Durante l’ultima carica frontale, un drappello di una ventina di carabinieri appoggiati da due Defender, carica il corteo da una stretta via laterale. I manifestanti reagiscono con lanci di pietre, i carabinieri tentano una ritirata e per maldestre operazioni una camionetta resta stranamente bloccata contro un cassonetto. La polizia che si trova a pochi metri di distanza non interviene. Dalla camionetta partono due colpi di pistola ad altezza d’uomo, il primo dei quali colpisce alla testa Carlo Giuliani di 23 anni. La camionetta riparte immediatamente passando sul corpo di Carlo ancora vivo per ben due volte.
Il giorno seguente, 21 luglio, quasi 300mila persone accorrono per la manifestazione finale unitaria e per protestare contro l’uccisione di Carlo. Le forze dell’ordine caricano con lanci di lacrimogeni e pestaggi indiscriminati la folla di manifestanti.
La giornata si conclude con l’assalto alle scuole Diaz e Pertini, messe a disposizione dal Comune come dormitorio e sede operativa del Genoa Social Forum. Vengono operati pestaggi, decine di arresti e la distruzione sistematica dei computer e del materiale fotografico e video raccolto dai manifestanti per documentare le violenze della polizia.

2003 (1 assassinato)

16 marzo – Milano                                                                                                                      Davide Cesare (Dax).                                                                                                              L’omicidio di Davide Cesare (Brescia, 7 novembre 1976 – Milano, 16 marzo 2003), noto come Dax, è avvenuto nella notte tra il 16 ed il 17 marzo 2003 a Milano, all’esterno del centro sociale autogestito O.R.So. (Officina di Resistenza Sociale), di cui la vittima era frequentatore.
Nonostante gli autori del delitto abbiano smentito l’appartenenza a ogni gruppo politico, la loro simpatia per ambienti di estrema destra ha conferito all’evento, e al processo che ne è seguito, una vasta risonanza, soprattutto negli ambienti di estrema sinistra, sia in Italia sia all’estero.

In totale sono stati assassinati, tra il 1948 e il 2003, 330 persone, di cui 190 dai neofascisti e 140 dalle “forze dell’ordine”. Di questi 78 negli anni 1948-50 (tutti ad opera delle cosiddette “forze dell’ordine”), 44 negli anni ’50, 28 negli anni ’60, 75 negli anni ’70, 103 negli anni ’80, 0 negli anni ’90, 2 nel primo decennio del 2000, 0 nel secondo decennio. Si nota ovviamente che i “picchi” si raggiungono negli anni di grande conflittualità sociale, come nel dopoguerra e negli anni ’70. I numero elevato di vittime negli anni ’80 è dovuto alle bombe fasciste a Bologna e S. Benedetto Val di Sambro. Da notare è anche il peso crescente della criminalità neofascista a partire dal 1968/69, che ha la responsabilità del 90% degli assassinati dopo quel “biennio rosso”. Da notare anche la composizione sociale degli assassinati: tutti o quasi proletari della campagna e delle fabbriche fino al 1968, in buona parte studenti negli anni ’70, indifferenziata in seguito (in seguito alle stragi indiscriminate di matrice fascista nelle banche, nelle stazioni, sui treni). Interessante anche la localizzazione geografica: in testa l’Emilia-Romagna, con 136 vittime (di cui però 113 dovute agli attentati a stazioni e treni), segue la Lombardia con 48 (di cui 26 dovute agli attentati), la Puglia con 27, Sicilia 25, Lazio 19, Calabria 19, Campania 9, Toscana, Veneto e Abruzzo con 6 ciascuna, Liguria 5, Basilicata 3, Piemonte e Umbria 2, Sardegna 1. Nessuna vittima nelle Marche, Friuli-Venezia Giulia, Trentino-Sud Tirolo, Molise e Val d’Aosta. Negli anni dal 1948 al 1960 il Mezzogiorno conta la maggior parte delle vittime, quasi tutti braccianti e contadini. A partire dal boom economico il Nord prende il sopravvento in questa triste classifica, con operai e studenti. Come si può notare, sono assenti le zone in cui la lotta di classe è stata meno acuta, con l’eccezione del Piemonte. C’è da sperare che questo elenco resti privo di “aggiornamenti”.

Flavio Guidi