Di Luis Sepúlveda*

Più di un milione e duecentomila persone sono scese in strada per dire “Basta! Basta con i miseri stipendi, basta con le pensioni povere, basta con l’abbandono dell’istruzione pubblica, basta con le assurde privatizzazioni come quella dell’acqua, basta con l’abbandono della salute pubblica e dell’impero mercantile della salute privata, basta con la polizia che entra quotidianamente negli istituti scolastici per picchiare e torturare gli studenti, basta di ministri che si beffano delle necessità del popolo, come un falso ministro dell’educazione che proponeva di “organizzare bingos” per riparare le aule allagate, o un altro luminare che suggeriva di “alzarsi prima” per risparmiare sui trasporti, o quell’altro prodigio che, di fronte al rincaro dei beni di prima necessità consigliava “comprare fiori perché sono economici”. E più di un milione e duecentomila persone hanno gridato “Basta!” ad un governo presieduto da un fantoccio inetto con un certificato penale articolato.

Con Sebastián Piñera, il paese è stato definitivamente ceduto alla voracità degli uomini d’affari e delle multinazionali, cosa che ha cominciato a forgiarsi durante la dittatura e che in seguito è stata intensificata da tutti i governi post-dittatura. Seminano povertà, precarietà, abbandono, disperazione, convinti che la forza del potere abbia anestetizzato per sempre gli abitanti della nazione meridionale. Finché la rabbia non è scesa in strada per dire “Basta!”.

Ora, l’inetto, decisamente stupido presidente, lo stesso che una settimana fa ha annunciato “di essere in guerra” e ha portato le truppe per le strade dichiara che più di un milione e duecentomila persone per le strade lo hanno riempito di gioia, annuncia cambiamenti di ministri e, come un padrone che usa la sua borsa, si dice disposto ad aumentare gli stipendi, le pensioni, fermare l’aumento di elettricità, acqua e trasporti, e anche considerare che i ricchi paghino alcune tasse allo Stato.

La moglie di Piñera dice di aver scoperto la necessità di “condividere”, e Luksic, l’uomo più ricco del Cile e una delle più grandi fortune del mondo, dice che è disposto a prendere in considerazione alcune tasse sulle grandi fortune. Allo stesso tempo, cadaveri politici come Lagos scoprono che c’erano “disordini nel paese”, o Insulza che chiedeva una “repressione energetica”, o Guiller che annunciava che “se Piñera cade, il Congresso cade, tutti noi cadiamo”.

E tutto questo con 19 morti secondo i dati ufficiali, ancora caldi, migliaia di feriti dalle forze repressive, di polizia e militari, secondo il Medical College, un numero segreto di prigionieri molti dei quali torturati in centri di detenzione improvvisati, donne stuprate dalle forze repressive, come ai tempi della dittatura che impiantò con sangue e fuoco il “modello cileno”, l’esperimento neoliberale che fece sprofondare un paese prospero alla triste condizione di “economia di raccoglitori”.

Ciò che il governo e i suoi generosi interlocutori propongono non sono altro che misure gattopardesche, finzioni di cambiamenti affinché tutto rimanga lo stesso.

E la gente, quella gente di tutte le età e condizioni, scossa dalla sonnolenza del fatalismo, è ancora in strada con un chiaro e legittimo desiderio di recuperare la propria dignità. E il primo passo del vero cambiamento è porre fine all’odiosa costituzione scritta dalla dittatura, formare un’assemblea costituente in modo che sia il potere dei liberi cittadini a decidere e sanzionare una nuova costituzione di una nazione dignitosa e sovrana.

Ecco perché sono ancora per le strade, e continueranno, perché in Cile i grandi viali hanno cominciato a riempirsi di vita dignitosa.

————

Scrittore cileno.  Dopo la pubblicazione del romanzo Il vecchio che leggeva romanzi d’amore (1992), è diventato uno degli scrittori latinoamericani più letti al mondo. Fu imprigionato durante la dittatura di Pinochet, all’epoca era uno dei militanti del Gap, Grupo de amigos personales, la guardia che vegliava sull’incolumità di Allende. E poi lasciò il paese. L’esilio lo ha portato in Europa, dove ha pubblicato la maggior parte dei suoi romanzi e racconti.

* da Le Monde Diplomatique

#ChileDesperto