Venti tavole originali di Zerocalcare sono state messe all’asta al museo Maxxi di Roma da un banditore d’eccezione come l’attore Valerio Mastandrea. L’obiettivo è quello di sostenere progetti umanitari in favore delle popolazione curde del Rojava, strette in Siria tra due fuochi, quello dell’esercito turco da una parte e quello dei miliziani dell’Isis dall’altra. “Con il passare del tempo sta succedendo quello che si temeva: ora che i curdi non servono più li si lascia massacrare”, afferma Zerocalcare, che alla vicenda a dedicato un’intera graphic novel. “Chi è andato in Siria per combattere al loro fianco ha fatto una scelta molto coraggiosa, anche se ora viene criminalizzato – aggiunge -. Sono convinto che siano loro dalla parte giusta della Storia e che, mentre il governo italiano stende tappeti rossi a Erdogan, riscattano la dignità del nostro Paese”.

Annunci