Dalle prime luci del mattino è partito nuovo sciopero alla UNES di Vimodrone. Ingente lo schieramento poliziesco, che con continue provocazioni ha provato, prima a isolare il presidio, poi a manganellare i lavoratori davanti i cancelli.

Nonostante la violenza e le intimidazioni lo sciopero e il presidio sono proseguiti, aumentando di numero con le tante delegazioni di lavoratori solidali in arrivo. Centinaia i mezzi incolonnati e ferma l’attività in magazzino. I Si Cobas hanno lanciato un appello alla solidarietà ai cancelli della UNES di Vimodrone (MI), Via dell’industria 44.

Ci siamo collegati con Alessandro del Si Cobas Milano.
VmPd

Sempre nel corso della mattinata altra mobilitazione operaia. La Fiom-CGIL genovese ha indetto uno sciopero contro il governo Draghi. 800 lavoratori e lavoratrici hanno attraversato il capoluogo ligure in corteo per rivendicare salario, pensioni e un fisco equocon le parole d’ordine dello “sciopero generale”.

Ai nostri microfoni Stefano Bonazzi segretario FIOM-CGIL di Genova.
VmPd

Da radiondadurto.org