(Gianni Sartori)

Dopo l’assalto di sabato scorso (3 aprile) al Centro curdo di Lyon, il Conseil de coordination des Organisations Arméniennes de France (CCAF) ha espresso profonda indignazione e solidarietà verso i Curdi aggrediti. Inoltre – ricordando le analoghe aggressioni subite in Francia dagli Armeni (a Décines, a Vienne, a Dijon e lo scorso autunno anche a Lyon) – ha richiamato lo Stato francese alle doverose misure da intraprendere per fermare l’attività dei Lupi Grigi (organizzazione paramilitare turca) che da tempo “seminano il terrore sul suolo francese”. 
Ovvero una “ferma risposta sul piano penale e misure concrete di protezione a difesa degli oppositori di Erdogan e della sua politica di panturchismo”.
In particolare, si chiede al ministero della Giustizia e a quello degli Interni di essere “meno compiacenti nei confronti delle operazioni condotte in Francia da Ankara che rappresentano potenziali minacce per l’ordine pubblico e per i fuoriusciti”.
Sono ormai anni che talune organizzazioni islamo-fasciste – sul libro paga di Ankara – operano in Europa colpendo sia i democratici turchi, sia i fuoriusciti di origine armena e curda. Tra gli episodi più eclatanti, l’assassinio di tre femministe curde nel 2013 (un triplice delitto che ricordava l’uccisione della dissidente sudafricana Dulcie Septembre all’epoca dell’apartheid).

Per il CCAF le recenti aggressioni avvengono “nel quadro del montante espansionismo turco nel Caucaso, in Medio-Oriente, nel Mediterraneo e in Europa”.
A conclusione del comunicato, il CCAF esprimeva la propria “totale solidarietà al Conseil Démocratique kurde en France, al movimento progressista curdo e a tutte le forze politiche che si oppongono alla politica criminale dello Stato turco sia dentro che fuori dalle sue frontiere”.

Purtroppo contemporaneamente al comunicato del CCAF dalla Francia è giunto anche un altro segnale poco incoraggiante.

Una manifestazione curda che si stava svolgendo davanti al palazzo del CPT (Comitato europeo per la prevenzione della tortura) a Strasbourg veniva pesantemente repressa a manganellate dalla polizia francese. Con ampio uso di gas lacrimogeni e almeno due manifestanti arrestati.
L’iniziativa – una disobbedienza civile nel corso della quale sono stati esposti ritratti del leader curdo e scanditi slogan per la sua liberazione – era sorta come protesta per il duraturo silenzio delle istituzioni europee in merito all’isolamento imposto da lunghissimo tempo al “Mandela curdo”, il prigioniero politico AbdullahOcalan.

Gianni Sartori