La risposta operaia e del SI Cobas alla decisione di Fedex-Tnt di chiudere lo stabilimento di Piacenza e procedere in diversi altri magazzini alla “riduzione del personale”, cioè a licenziamenti ‘appaltati’ alle ditte dipendenti da Fedex, non si è fatta attendere. E in appena tre giorni si è estesa da San Giuliano Milanese a Peschiera Borromeo, a Reggio Emilia, a Parma, a Teverola, a Fiano romano: 

CON LO SCIOPERO ALLA FEDEX DI SAN GIULIANO MILANESE

INIZIA LA RISPOSTA DEL SI COBAS ALLE PROVOCAZIONI PADRONALI

I LAVORATORI TNT/FEDEX NON ARRETRANO DI UN MM!

ALLA NOTIZIA CHE L’HUB DI PIACENZA VERRÀ DI FATTO AZZERATO, LASCIANDO SENZA SALARIO 300 FAMIGLIE, I LEONI STORICI DEL SI COBAS DELLA TNT/FEDEX DI PIACENZA, IN QUESTO MOMENTO SONO AI CANCELLI DEL MAGAZZINO DI SAN GIULIANO MILANESE, COL SUPPORTO ATTIVO DEI COBAS MILANESI.

NONOSTANTE IL MASSICCIO DISPIEGAMENTO DI FORZE DI POLIZIA, I LAVORATORI SONO RIUSCITI A CONQUISTARSI LA LORO POSIZIONE FUORI A UN MAGAZZINO STRATEGICO PER I PROFITTI DELLA MULTINAZIONALE E SU CUI STANNO DIROTTANDO LA MERCE CHE VENIVA LAVORATA A PIACENZA.

AL MOMENTO IL MAGAZZINO È COMPLETAMENTE FERMO, E L’INTERA FILIERA È PRONTA A SCENDERE IN CAMPO.

PER I PADRONI, CHE DOPO AVER SFRUTTATO PER ANNI I LAVORATORI VORREBBERO ORA BUTTARLI VIA COME LIMONI, NON SARÀ UN GIOCO FACILE.

SE I CAPITALISTI AMERICANI PENSANO DI FAR FUORI IL SI COBAS CHIUDENDO PIACENZA, SAPPIANO CHE SARÀ GUERRA SU TUTTA LA FILIERA NAZIONALE.

Facciamo appello a tutti i lavoratori della logistica, alle reti solidali, alle realtà del Patto d’azione e dell’assemblea dei lavoratori combattivi affinché si attivino da subito al fianco dei facchini in lotta, mettendosi al più presto in collegamento con i rispettivi coordinamenti provinciali del SI Cobas.

LORO HANNO MOLTO DA PERDERE: NOI SOLO LE NOSTRE CATENE!

GIÙ LE MANI DAI LAVORATORI DI PIACENZA!

TOCCANO UNO TOCCANO TUTTI!

SI Cobas nazionale


Dopo la notte a Milano, ora è sciopero davanti al magazzino di Fedex-tnt di Parma per salvare i magazzini di Piacenza, Padova e le altre migliaia di lavoratori che gli americani vorrebbero buttare in mezzo alla strada in Italia come annunciato un anno fa nel loro piano di ristrutturazione.

Solo i sindacati di base in campo per la difesa dei posti di lavoro?

Sinistra Anticapitalista di Brescia ritiene urgente che tutti i sindacati si mobilitino per impedire il licenziamento di migliaia di lavoratori in un comparto strategico e forte come la logistica.

E’ grave che non ci sia una risposta da parte del maggior sindacato operaio, se passano questi licenziamenti altri ne verranno in tutti i settori.

A che serve un grande sindacato se non tutela l’esistenza stessa dei posti di lavoro?

E’ necessario un fronte di lotta unito di tutti i lavoratori e sindacati per la difesa dei posti di lavoro, per la riduzione dell’orario e dei ritmi di lavoro, per salario e condizioni di lavoro e vita sicure e dignitose.