Gli attacchi di occupazione dello stato turco al Kurdistan meridionale che sono in corso dal 15 giugno hanno assunto una nuova dimensione. In primo luogo, il campo profughi di Maxmur, l’insediamento yazida di Shengal (Sinjar) e numerose aree di insediamento civile nelle zone di difesa di Medya sono stati bombardati da dozzine di aerei da combattimento.

Due notti dopo, l’operazione di occupazione a Heftanin, iniziata nell’agosto 2019, è stata ampliata con attacchi aerei e truppe di terra. Gli attacchi continuano senza sosta.

Tempistica e reazioni

Il tempismo di questi attacchi è sorprendente. Sono iniziati dopo un incontro della “coalizione internazionale” guidata dagli Stati Uniti a Baghdad, dove è stata discussa la situazione dei Paesi della regione. La Turchia era rappresentata nell’incontro. Subito dopo, tuttavia, è stata fatta una visita a sorpresa a Baghdad dal capo del servizio di intelligence turco MIT, Hakan Fidan. Su questa visita sono disponibili informazioni varie e contraddittorie. A Baghdad, si dice che Fidan abbia chiesto al nuovo primo ministro iracheno, Mustafa al-Kadhimi, di esercitare pressioni sul governo regionale del Kurdistan meridionale affinché chiuda il valico di frontiera di Sêmalka nella regione autonoma della Siria settentrionale. Si dice che abbia chiesto lo stesso al partito al potere il KDP. Si dice anche che abbia chiesto l’approvazione per una proscuzione delle operazioni a Shengal, Heftanin e Bradost. Alcune voci affermano che al-Kadhimi non era d’accordo e che la Turchia ha comunque avviato l’operazione il 15 giugno. Altre voci ipotizzano che al-Kadhimi abbia dato il suo consenso a porte chiuse. Un giorno dopo l’inizio dell’invasione, al-Kadhimi e i leader dell’apparato di sicurezza e dell’esercito hanno deciso di non commentare.

Questa decisione conferma il presupposto che al-Kadhimi abbia raggiunto un accordo con la Turchia su alcuni punti. I circoli sciiti e il Ministero degli esteri iracheno hanno protestato contro l’invasione. In due dichiarazioni verbali, il Ministro degli esteri ha invitato la Turchia a fermare gli attacchi e ritirare le sue truppe dall’Iraq. Anche leader sciiti come Amir Hekim, Mukteda al-Sadr e Hadi Amiri hanno protestato contro gli attacchi dell’occupazione turca. Iyyad Allavi, che è considerato un leader sunnita sebbene egli stesso sia sciita, ha invitato gli Stati Uniti a fermare l’invasione turca e a proteggere l’Iraq come partner strategico dagli attacchi. Hoşyar Zebari, membro del politburo del KDP ed ex Ministro degli esteri e delle finanze dell’Iraq, ha descritto l’invasione turca come un “serio sviluppo geopolitico” e ha messo in guardia contro un’espansione neo-ottomana che coinvolgerebbe anche Mosul. Ha detto: “Per anni si è parlato del fatto che il leader turco Erdogan vuole espandere il territorio ai confini del” Misak-i Milli “(Patto Nazionale) e annettere l’intera parte meridionale del Kurdistan, incluse Mosul e Kirkuk. Quindi alla fine anche un politico del KDP come Zebari ha sollevato questo pericolo. Ma non basta parlarne. Dobbiamo pensare a cosa si può fare per bloccare i piani turchi. E ciò che deve essere fatto è abbastanza ovvio: i curdi devono agire insieme e prendere una posizione comune “.Ma Zebari non parla per l’intero KDP. Né il partito né il governo regionale che controlla hanno finora preso posizione contro l’invasione turca. Invece di protestare, il movimento di liberazione curdo viene, come sempre, utilizzato come giustificazione. Ciò dimostra che il KDP è in una certa misura parte estesa degli attacchi.

Perché gli Stati Uniti e al-Kadhimi sono silenziosi?

Le voci contro l’invasione turca stanno diventando più forti. Nessuna dichiarazione è stata ancora fatta dal primo ministro iracheno Mustafa al-Kadhimi e dagli Stati Uniti. Ciò solleva inevitabilmente la questione se l’occupazione turca sia il risultato di un accordo tra USA, al-Kadhimi e Turchia. Subito dopo l’inizio degli attacchi, l’Iraq ha inviato una delegazione a Duhok per indagare sull’entità dell’invasione. La delegazione ha visitato Zakho, Duhok e l’area di confine ed è tornata a Baghdad senza una spiegazione. Gli attacchi non si sono fermati in seguito, ma sono diventati ancora più violenti. Questa situazione richiama alla mente l’operazione di occupazione turca nel dicembre 2017 nel Bradost. Una delegazione di Baghdad era arrivata nella regione, ha svolto indagini e è tornata. Lo stato turco ha proseguito le sue operazioni e ha raggiunto Lelikan nel 2018 e Shekif nel 2019, che da allora ha abbandonato. Apparentemente la delegazione irachena aveva chiarito solo dove la Turchia poteva arrivare. La situazione sarà simile alla delegazione che è stata adesso a Duhok. La situazione è la seguente: gli attacchi di occupazione continuano nel quadro di un piano congiunto di Stati Uniti, parte dei leader iracheni, Turchia e parte del KDP. Poiché l’aggressione della Turchia non conosce confini, i civili vengono uccisi ogni giorno, le aree residenziali e le aree pic-nic vengono bombardate. Ma continuano anche le proteste contro l’invasione turca. Il piano di occupazione e i suoi attori stanno diventando più chiari ogni giorno. È inoltre prevedibile che le proteste dall’Iraq e dal Kurdistan meridionale diventino rumorose.

di SEYİT EVRAN 

Da retekurdistan